sabato 14 settembre 2019

Grano

Grano

Al termine di un'estate spettacolare dal punto di vista musicale ho deciso di pubblicare l'intervista con una giovane e talentuosissima cantante marchigiana.
Ascoltata qualche settimana fa,mi sono innamorato della sua voce e delle sue notevoli doti artistiche.
Particolare non da poco:la mia ospite di oggi è anche travolgente con la sua simpatia.
Abbiamo tanto da raccontare,non perdetevi nulla delle prossime righe.

Come è iniziato il tuo percorso artistico/musicale? Quale molla è scattata in te per spingerti in questa direzione?
"Il mio percorso artistico è un po’ insolito se così vogliamo dire.
Da bambina volevo fare la ballerina così mi sono iscritta a una scuola di danza dove facevano anche lezioni di recitazione, mia madre mi ha spinta verso quella direzione perché da piccola parlavo particolarmente veloce e voleva prendessi lezioni di dizione.
Da lì è nato il mio amore per il teatro e per i musical, essendomi approcciata per anni sia alla recitazione che alla danza non mi rimaneva che il canto e così ho iniziato a studiare e ho capito che quella era la mia strada: ho abbandonato tutte le altre attività per poter fare questo nella vita."
Che tipo di influenze hai avuto a livello di generi musicali?
"Beh, ho avuto diverse influenze un po’ a seconda delle mie fissazioni periodiche. Sin da ragazzina ascoltavo brani della Streisand e della Minelli, per poi passare a sonorità più blues come Etta James e Ella Fitzgerald o più rock come nel caso della Turner.
Adoro la musica italiana: Mina, Milva, la Ruggiero, anche se il mio grande amore è Elisa che ha caratterizzato in modo importante la mia infanzia (so tutte le sue canzoni, anche se da piccola le cantavo in inglese maccheronico).
Negli ultimi anni, invece, mi sono appassionata ad artisti come gli Afterhours e Baustelle.
È giusto che un cantante o musicista che sia, ascolti un po’ di tutto."
Quanto di questo si può ascoltare in ciò che proponi?
"In realtà poco.
Loro sono grandi icone, io sono (solo) Grano e Grano è solo Ilaria. Penso che la canzone italiana d’oggi sia una canzone “spoglia” nella sua accezione positiva, è lontana dal mondo americano dei virtuosismi, si basa sulle parole, sulla comunicazione.
Questo mi ha portata a lavorare sulla semplicità in modo da far uscire la parola attraverso la voce e non la voce attraverso la parola, o per lo meno questo è il mio intento."

Grano,perchè Grano??
"Perché prima ero un po’ cretina.
Qualche anno fa odiavo i miei capelli color rame e le mie lentiggini, volevo essere come tutte quante, rispecchiare un canone di bellezza più comune. 
Sin da piccola mi sono sempre sentita chiamare “Pippi Calzelunghe” o “Anna dai capelli rossi”, non me lo dicevano per prendermi in giro, era solo un modo buffo per appellarmi me ne rendevo conto, ma a me dava comunque fastidio, quindi rispondevo di non essere rossa ma “Bionda grano”, da qui il nome.
Oggi ho capito che tutto ciò che è diverso è interessante ed essere interessanti è meglio che essere perfetti ma comuni."
Ilaria sei stupenda!!!
Sei una ragazza meravigliosa oltre che essere una grande artista.
Colgo l'occasione per complimentarmi con Laura Broccolo fotografa autrice di questi primi due fantastici scatti.

Grano,ma sai che a parte la tua musica non so praticamente nulla di te?
Presentati a me e a noi...
"Mi chiamo Ilaria e ho ventitré anni. Sono delle Marche, più precisamente di Civitanova Marche. Sono laureata in “Biosciences and Biotechnology”, quindi in Biologia e presto inizierà la magistrale.
La mia vita è 50% musica e 50% scienza, passo dai laboratori allo studio di registrazione e questa vita, sinceramente, mi piace da morire.
Non è sempre facile far coesistere le cose, però mi piace tenermi occupata in mille modi, la vita monotona non fa per me."
 Il tuo brano di qualche mese fa è una perla,come nascono i tuoi pezzi,a cosa ti ispiri?
"Mi ha aiutata moltissimo il mio amico e songwriter Gaetano Marinelli.
 Il brano nasce da dei miei pensieri che Gaetano ha reso più pungenti, più diretti.
 Le canzoni sono dei flussi, puoi fare musica parlando di tutto, magari un giorno ti senti particolarmente innamorato e scrivi d’amore, l’altro invece vieni svegliata da un cane che abbaia sotto casa e decidi di scrivere di quel cane.
Gaetano è molto bravo, mi sta aiutando moltissimo per il mio album.
Ho molto da imparare da lui, sono molto attenta alle parole che usa, ai temi che lo ispirano, spero di poter pubblicare presto una canzone interamente mia, che abbia lo stesso impatto e la stessa sincerità di quello che scrive lui o che scriviamo (e scriveremo) insieme."
Ora mi sembra giunto il momento di far sentire(e anche vedere considerato che il video è splendido)ai miei lettori tutta la tua bravura.
Cliccando qui avrete modo di ascoltare "Gennaio crudele" il super brano di Grano che mi ha fatto innamorare della sua voglia di musica.
Andiamo sul personale,descriviti e narrami delle tue passioni...
"Mi rimane un po’ difficile descrivermi in realtà ma ci proverò. Mi piace parlare, parlo di continuo, questo perché odio il silenzio anche se sento spesso l’esigenza di stare da sola.
Per combattere questo paradosso interiore, quando sto da sola, accendo sempre il mio giradischi e metto qualche canzone mentre leggo o dipingo.
Adoro gli animali, sono gli unici che riescono a farmi piangere quando guardo film.
Il sabato sera sono più una da birra dentro qualche pub o chalet, più che una da discoteca, se proprio devo dirla tutta le discoteche mi mettono tristezza.
Preferisco la musica dal vivo dei festival, mi piace sentire la verità degli artisti, quello che dicono tra una canzone e l’altra, come si muovono e perché no, mi piace anche sentire quando sbagliano qualcosa, gli errori rendono tutto più diretto e umano, danno dei brividi in più all’esibizione."

Nella mia playlist delle ultime settimane non c'è solo Grano...
Zebra Polare:presentamelo e raccontami come nasce questo progetto.
"Zebra Polare è una bellissima sfida.
Abbiamo già diverse canzoni in cantiere e non vediamo l’ora di poterle far sentire.
È un progetto di Gaetano, le canzoni parlano della sua adolescenza, che però è raccontata per essere l’adolescenza di tutti.
È un progetto indie-pop, a volte un po’ rock.
Un giorno, mentre stavamo lavorando per i miei brani, Gaetano mi dice di voler la mia voce nel suo progetto, cercava qualcosa di french-pop; ovviamente ho risposto prontamente di sì, soprattutto una volta che mi ha fatto leggere i testi che aveva pronti: stupendi!"
Ve lo state sicuramente chiedendo e infatti si,cliccando qui potete accedere al video di "interrail",pezzo stupendo di Zebra Polare nel quale canta anche Grano.

Live show??
Obiettivi da raggiungere per i prossimi mesi??
"Il mio primo obiettivo e quello del team di Gorilla Dischi con cui collaboro (formato dal citatissimo Gaetano e da Maurizio Diomedi che si occupa della produzione e dei video), è quello di finire il prima possibile l’album, per poi andare a presentarlo nei festival.
Già stiamo facendo qualche live in giro per le Marche, pur avendo ancora pochi brani (considera che lavoriamo insieme da nemmeno un anno); sono le nostre prove generali, stiamo un po’ studiando le reazioni del pubblico e stiamo affinando il feeling sul palco."
Quando avrai pronto l'album se ti andrà qui avrai sicuramente spazio per presentarlo e promuoverlo.

Come ti vedi nel tuo domani?
"Mi vedo ancora con i capelli lunghissimi e una chitarra in mano. 
Voglio andare in giro per l’Italia e cantare con il pubblico le mie canzoni.
Per un cantante il sogno più grande è vedere qualcuno che mette le tue canzoni tra i preferiti su Spotify, vedere che sanno le parole a memoria, che sono canzoni che fanno parte delle loro giornate."
Ecco appunto,stavo per chiederti se hai sogni da realizzare?
"Si certo,è banale dirti che voglio vivere di musica? 
Voglio cantare: ai festival, sui palchi grandi, con venti luci addosso e il chiasso delle persone sotto.
Mi piacerebbe che qualcuno mi guardasse come io guardo molti artisti di cui vado a sentire i concerti."
Sei di una semplicità che cattura,la tua passione contagia!

Raccontiamo Talenti
vi ha presentato
Grano!
A Grano/Ilaria va un grande grande ringraziamento e un abbraccio gigante.
Sei davvero super e spero ci sia modo di continuare ad interagire in futuro.
Grazie di cuore a te e tanti complimenti a tutte le persone citate da te in questo articolo.
Spero di aver fatto cosa gradite nel pubblicare i vostri links.
Chiudo qui la pagina ribadendo la grandezza di questa ragazza,Grano mi hai proprio colpito!