martedì 12 gennaio 2016

Ariana Pirv

Ariana Pirv
(Cluj-Napoca,24 Maggio 1996)
Con grandissimo onore e molto piacere oggi vi presento una delle mie giocatrici di pallavolo preferite.
Come voi carissimi lettori di questo blog ben sapete chi scrive per voi vanta un'esperienza ventennale in giro per palestre e palazzetti di tutta Europa.
Ariana è da molto tempo considerata tra le migliori atlete del campionato italiano.
Sono stato quindi molto felice nel poterla intervistare.
Ne è uscito un bel ritratto di una splendida persona,non mi resta che augurarvi buona lettura,

Ciao Ariana,come abitudine nelle pagine che pubblico alla prima domanda chiedo sempre come si comincia a fare sport e il perchè....
"Ciao a tutti!
Ho iniziato a giocare a pallavolo quando avevo 7 anni.
Sin da piccola andavo con mio padre tutti i giorni in palestra in quanto lui come lavoro fa il massaggiatore sportivo.
Inizialmente facevo qualche passaggio con le ragazze dell'Asystel Novara,la società dove appunto lavorava mio padre,fino a quando un giorno l'allenatrice Jenny Lang Ping mi vide fare dei bagher contro a un muro.
Lang Ping prese da parte mio padre e le disse che secondo lei io avevo buone doti per diventare una giocatrice di pallavolo.
Ecco,la mia carriera è iniziata così."
Papà massaggiatore e zia super campionessa!
Oltre ad essere tuo tifoso oggi,ai tempi ho amato le giocate di Cristina Pirv,la principessa di Novara.
Famiglia sportivissima quindi...
"Si!
Ho sempre vissuto in questo mondo e sono sempre stata a contatto con persone più grandi di me.
Di mia zia devo dire che è stata una grande atleta,sapeva fare tutto,è stata capitano della nazionale rumena e anche del Novara per molto tempo."
Non ti pesa un pò il cognome che porti?
"No no,non mi pesa più adesso.
Io sto andando avanti per la mia strada prendendo qualcosa di buono anche da lei.
Mio padre dice che siamo molto simili sia caratterialmente che tecnicamente.
In molti quando sono arrivata in Italia mi associavano a lei,ma io ho sempre cercato di distinguermi,di costruirmi un futuro imparando da chi mi sta accando e sudando in palestra.
Così sono riuscita a portare avanti un percorso tutto mio."
Quali sono state le squadre dove hai giocato sinora?
"Inizialmente ho fatto le giovanili a Novara cominciando dalle under 14 dove tutte erano più grandi di me.
Qui sono stati tutti bravi a mettermi a mio agio perchè erano i miei primi mesi in Italia e ancora non parlavo la vostra lingua.
Poi piano piano crescendo,a 12 anni fui contattata dallo Sporting Acqui Terme e ho giocato per loro nelle categorie under 14/16/18.
Anno molto importante soprattutto perchè mi sono potuta confrontare con atlete più grandi e forti di me.
Due anni dopo ho iniziato ad allenarmi con la selezione regionale del Piemonte guidata da Massimo Moglio disputando due edizioni del Trofeo delle Regioni,la prima a Rossano -Calabro e la seconda in casa a Torino dove abbiamo vinto battendo in finale il Veneto senza perdere neppure un set durante tutta la manifestazione.
Ho avuto anche l'onore di essere il capitano di questo bellissimo gruppo.
Qualche anno dopo vengo ingaggiata quasi per caso da Trento in B1...
Non era un periodo facile per me perchè ero senza squadra e la mia esperienza in questa nuova realtà per me è iniziata a stagione in corso...."
"Sono arrivata alla quarta giornata,dopo qualche partita il mister Orlando Koja decise di darmi fiducia e di farmi diventare titolare per farmi anche fare esperienza.
Quell'anno fu molto importante per me e non smetterò mai di ringraziare Orlando.
Anno successivo con conferma a Trento nonostante 9 giocatrici nuove su 12,squadra forte e obiettivi ambiziosi.
Vinciamo campionato e coppa Italia...
Per il terzo anno consecutivo resto in questo team dove per la prima volta mi trovo davanti la serie A2,competizione che fino a quel momento avevo visto solo in tv.
Allenamenti tutti i giorni,trasferte lunghe,molte partite e riposarsi quasi mai.
Arriva un nuovo allenatore,Marco Gazzotti,e l'obiettivo stagionale era la salvezza...ma penso tu sappia quanto strano e difficile sia il campionato di A2...bene,alla fine del girone di andata ci siamo trovate al terzo posto disputando anche la coppa Italia sino alle semifinali e in finale di stagione i play off per la promozione nella massima serie.
Tutto molto bello a Trento,tutte stagioni importanti per me,anche se il ricordo più bello resta la vittoria di campionato e coppa Italia."
Mentre i tuoi tifosi possono continuare ad ammirarti in queste immagini ti chiedo di spiegare quali sono le tue caratteristiche tecniche.
"Diciamo che sono più una ricevitrice,ruolo che mi piace molto.
In attacco tendo a giocare una super veloce e mi piace molto variare i colpi.
La diagonale stretta è sempre stato il mio colpo preferito.
Nei momenti importanti cerco di rifugiarmi soprattutto facendo mani alte(insegnamento di Gazzotti).
Il muro non mi fa impazzire ed è un aspetto su cui devo lavorare ancora molto."
Sei anche umile oltre che fortissima!
Chi avrà la possibilità di schierarti nel suo team sarà sicuramente fortunato!!
Oltre alle tue grandi doti tecniche sei anche una persona meravigliosa.
Scrivo questo perchè Ariana da qualche ora è libera di cercarsi una nuova squadra.
E' terminata la sua esperienza a Soverato in A2 e francamente credo che sia un bene per lei visto e considerato che io non apprezzo NULLA di come intendono la parola SPORT a quelle latitudini....Ammesso anche che sappiano cosa voglia dire!
Quindi società bisognose di un ottimo posto 4 fatevi avanti!!!!!!

Oltre che nella pallavolo Ariana eccelle anche sulla sabbia...
"Si!
D'estate faccio sempre qualche tappa dei tornei di beach volle prima di iniziare la preparazione per l'indoor.
E' uno sport che mi è sempre piaciuto anche se faticoso."
"Trovo gli allenamenti molto duri e poi penso che essendo in 2 ci si deve arrangiare di più per uscire dalle difficoltà e bisogna anche essere molto forti mentalmente e fisicamente per poter reggere nelle partite di alto livello."
Molto bene!
Esaurita la parte sportiva ora ti chiedo di raccontarmi qualcos'altro su di te.
"Sono una ragazza normalissima con tanta voglia di fare.
Non ho sicuramente un carattere facile,anche se negli anni sono maturata molto.
Sono ancora molto giovane e ho già fatto molti sacrifici.
Naturalmente ho commesso anche degli errori,ma come si dice da questo si impara sempre e si cerca di non ripeterli più.
Proprio per questo cerco sempre di ascoltare i consigli del mio ragazzo e di migliorarmi nello sport e anche nella vita.
Rimango sempre piena di obiettivi,sono istintiva e lunatica ma al tempo stesso anche sensibile disponibile e socievole."
"Nel tempo libero mi piace leggere,è una cosa che mi rilassa molto.
Amo anche guardare films,uscire con gli amici e qualche volta giocare a bowling.
Ah mi piace molto terere curate le mie mani,ho una passione per gli smalti e li cambio molto spesso."
"Adoro tanto anche giocare con il mio cane,ve lo presento....
Lui è Sony!"
Bellissimi!!!!!!
Sia il tuo amico a 4 zampe che anche tu Ariana!!
Siamo quasi in conclusione,prima di finire però ti chiedo se hai qualche progetto per il tuo futuro con qualche sogno da realizzare....
"Il mio obiettivo principale è sicuramente quello di diventare una giocatrice completa,di ottenere più risultati possibili e magari un giorno andare a giocare all'estero per migliorare ulteriormente.
Il mio sogno è quello di arrivare un giorno a giocare per la Nazionale.
Una cosa che reputo importante e che continuerò sempre a fare e nondimenticarmi mai da dove sono partita e le persone che mi hanno dato una mano.
Non mi monterò mai la testa,voglio divertirmi il più possibile rimanendo sempre umile in tutto."
Grazie di tutto Ariana!!!!
Un saluto a te,alla tua famiglia e al tuo fidanzato Simone Giannelli palleggiatore  di Trentino Volley e della nazionale Italiana.
Siete una coppia meravigliosa!
Con questa dolcissima foto di Ariana e Sony auguro a questa forte atleta e bravissima ragazza di prendersi il meglio dalla vita!!!!
Meriti di raggiungere tutti i tuoi obiettivi,da tuo tifoso sono qui pronto a raccontare i tuoi trionfi futuri!
Hai entusiasmo da vendere oltre alle tue infinite doti tecniche e umane!
Info Web
Raccontiamo Talenti ringrazia Photo Riccardo Giuliani Get Sport Media per la gentile concessione di alcune delle immagini presenti in questa pagina.













Nessun commento: