lunedì 19 marzo 2018

Vera Bondarenko

Vera Bondarenko
(9 Ottobre 2002)
Vera,giovanissima ma già molto apprezzata atleta.
Sono felice di poter pubblicare la sua intervista ed è mia premura come prima cosa ringraziare la madre per la cortese concessione dell'autorizzazione.
Già,la madre.
Sorpresa delle sorprese,la splendida ospite di oggi è la figlia di Tatyana Voronina,super campionessa che tanto ha giocato e vinto nel campionato italiano di pallavolo femminile.
Personalmente me la ricordo nella leggendaria Bergamo ma non solo...
Fatta questa premessa ora torno a concentrare l'attenzione su Vera e su tutta la sua determinazione e bravura.

Considerato quanto scritto nell'introduzione credo sia stato del tutto naturale per te iniziare a giocare al nostro meraviglioso sport,è così??
"Ciao!
Io ho cominciato con la pallavolo quando avevo 7 anni.
Ho sempre visto mia madre che è stata giocatrice di grande successo e io da sempre voglio essere come lei.
Perciò sono contenta che i miei genitori mi hanno dato la possibilità di realizzare i miei sogni mandandomi in Italia."
Le origini di Vera e della sua famiglia sono ucraine.
Famiglia di sportivi eh...
"Si,mia mamma ha giocato a pallavolo e mio padre a basket."

In quale squadra giochi?
"Faccio parte del roster di un team che si chiama VolleyPoolPiave e con questo club voglio provare a vincere le finali regionali."
La tenerezza,ma anche la convinzione.
Durante la creazione e la stesura di questa intervista ho scoperto una ragazza davvero eccezionale.

Vera quali sono le tue principali qualità come atleta?
"Grazie alla mia altezza sono brava a fare il muro e ho anche buone doti in attacco.
Non ho detto che sono una schiacciatrice/ricevitrice."
Non abbiamo detto anche che sei alta 187 cm.
187 centimetri di pura classe e potenza.

Domanda secca:che cos'è per te la pallavolo?
"Mi piace innanzitutto perchè è uno sport di squadra e nel mio team tutte ci aiutiamo a vicenda.
Mi piace a tal punto che quando gioco posso dimenticare per un pò tutti i problemi che mi circondano."
Sei di una semplicità pazzesca,pero hai anche detto una grande verità:lo sport in primis deve essere considerato una passione,un qualcosa che ci permetta di sfogarci e tenere sgombra la mente.
Brava Vera!

Data la tua giovanissima età sei anche studentessa,come riesci a conciliare la scuola con le attività sportive?
"E' molto difficile anche a causa del fatto che non sono italiana.
Però cerco di impegnarmi ogni giorno più che posso studiando circa 4 ore al giorno e facendo allenamenti che durano tre ore."

Sono curioso:da come mi hai risposto credo tu sia un poco timida,quindi ti chiedo,come sei caratterialmente?
"Si è vero,sono timida e non ho un carattere facile.
Sono un poco egoista ma al giorno d'oggi lo si deve anche essere un pò.
Mi piace poter dire la mia su tutto e su tutti."

Diciamo che mi ero accorto anche di questa tua particolarità.
Il talento c'è,la spigliatezza e la convizione di essere una numero 1 anche.
Tutto questo ti porta ad essere un punto di riferimento per tante persone,non vedo nulla di sbagliato.
Anzi complimenti per il caratterino.

Consentitemi una parentesi:ringraziamento speciale per Jeanpol Sarr autore di molti dei bellissimi scatti di Vera presenti in questa intervista.

Come si domanda a una 15enne come vede il suo futuro?
"A me al momento piace vivere il presente senza pensare a come sarà il mio domani.
Ovviamente resta in me il sogno di diventare anche io una grande pallavolista come è stata mia mamma."


Raccontiamo Talenti
vi ha presentato
Vera Bondarenko.

Vera,Tatiana
GRAZIE DI CUORE PER TUTTO!!!!!
Mi sono divertito e mi sono anche molto emozionato:è bellissimo vedere come cresce bene una ragazza come la mia ospite di oggi.
Gran carattere,Vera mi piace come giocatrice ma da oggi posso dire di essere un suo tifoso ed ammiratore anche per la meravigliosa persona che è.
Ne sentiremo parlare  lungo,ne sono certo!
Intanto sono super felice di averla portata qui da me!!!

Nessun commento: