lunedì 21 maggio 2018

Aziliz Divoux

Aziliz Divoux
(3 Gennaio 1995)
Ho scritto per la prima volta di questa ragazza nel Giugno del 2015 e da allora non ho mai smesso un solo giorno di seguirne l'evoluzione sportiva rendendomi conto di quanto la mia ospite di oggi sia maturata nel ruolo di palleggiatrice.
Siamo ovviamente rimasti anche ottimi amici e così abbiamo pensato di aggiornare voi tifosi ed appassionati di pallavolo.
(Se vi fa piacere cliccando qui potete leggere la prima intervista di Aziliz per il mio blog)
Auguro ad ognuno di voi buona lettura e comincio con le domande.

Ciao Aziliz,ho appena scritto nell'introduzione che in questi 3 anni sei cresciuta notevolmente come atleta,mi racconti cosa è successo?
"Ciao Luca,ciao a tutti.
Dopo le mie esperienze nel campionato belga,nella stagione 2015/2016 mi sono trasferita in Francia per la mia prima stagione all'estero.
Sono entrata a far parte del roster del Paris St.Cloud come seconda alzatrice ma abbastanza rapidamente l'allenatore mi ha dato la possibilità di giocare nello starting six.
E' stato un anno fantastico e pensa,siamo arrivate al terzo posto nel campionato francese."

"Il secondo anno a Parigi ha visto molti cambiamenti nella squadra e per noi è stato tutto un pò più difficile.
Tuttavia dopo queste due stagioni incredibili posso solo dire che porto il Paris St.Cloud nel mio cuore."
Sei una bravissima giocatrice ma dalle tue parole si capisce che sei rimasta una ragazza semplice.
E' sempre un piacere per me interagire con te!

Poi cosa è successo?
"Terminato il biennio parigino ero pronta per una nuova sfida.
Sono stata molto felice quando ho ricevuto la proposta del Mulhouse,squadra che aveva appena vinto il campionato di Francia.
Sono entrata a far parte di questo club con molta soddisfazione e sul piano sportivo devo dire che ho aumentato di molto le mie esperienze."

"Ho potuto prendere parte alla Champions League e devo dire di essermi sempre sentita bene nell'ambiente attorno a questo team.
In ogni nostra partita abbiamo avuto circa 3000 persone a sostenerci e quando loro gridano per incoraggiare noi giocatrici ti assicuro che mette i brividi."

Sei nata sportivamente in Belgio e hai proseguito la tua carriera in Francia,quali sono le differenze tra queste due nazioni a livello pallavolistico?
"Posso dire siano abbastanza grandi:in Belgio è molto difficile giocare a livello professionale,quindi se si vuole intraprendere una carriera seria bisogna andarsene.
In Francia seppur il livello non sia ancora tra i migliori devo dire di essermi trovata bene e che per me i tre campionati sono stati un primo passo perfetto."
Hai giocato anche in nazionale...
"Si!
Sono sempre belle sensazioni quelle che si provano con le nazionali del proprio paese.
Dal momento che ho il doppio passaporto ho deciso di cominciare la procedura per poter giocare in futuro con la Francia.
Non vedo l'ora di iniziare a creare qualcosa di eccezionale e di condividere le mie emozioni con le ragazze francesi."

Caspita che dichiarazione!
Grazie mille Aziliz per questa tua rivelazione.
Colgo l'occasione per chiederti se hai novità per quanto riguarda la tua prossima stagione nelle squadre di club.
"Al momento no,assieme al mio agente sto cercando la soluzione migliore.
Sicuramente saprò aggiornarti a breve."

Tu aggiornerai me,io farò lo stesso con i miei lettori tuoi grandi ammiratori.


Ammiratori che possono perdersi anche nella tua incredibile avvenenza.
Sei davvero molto bella amica mia.
Qual è secondo te la tua qualità migliore?
"Oooh grazie,sei molto dolce.
Credo che il mio spirito combattivo sia la mia dote principale.
Ho molto lavoro ancora da fare e non mi fermerò fino a quando la mia crescità non sarà finita e i miei obiettivi raggiunti."

Legata a queste tue parole decise c'è la mia ultima domanda:come vedi il tuo futuro?
"Voglio continuare a fare passi avanti nella carriera di atleta.
Poco fa parlavo di obiettivi e questo della pallavolo è il mio principale e lavorerò sodo per raggiungere il massimo."



Brava,bella,dolce e molto semplice.
Raccontiamo Talenti vi ha presentato per la seconda volta Aziliz Divoux.
A lei va un grandissimo ringraziamento per essere sempre disponibile,un altro grande grazie va a tutti i fotografi autori di alcuni degli splendidi scatti presenti in questa intervista.
Aziliz è già una giocatrice fortissima e ha già giocato in club serissimi,a parere mio è arrivato il momento di entrare nell'elite del volley mondiale.
Lei lo merita e io sarò pronto a narrarne nuovamente le sue gesta.

domenica 6 maggio 2018

Manja Jerala

Manja Jerala
(22 Gennaio 2002)
Giovanissima,talentuosissima,fortissima!
Arriva dalla Slovenia la brava e bella Manja.
L'ho seguita per tanti mesi e oggi la propongo a voi,miei cari lettori.
Mi diceva la splendida ospite di oggi che questa è la sua prima intervista in assoluto,ne abbiamo tirato fuori un piccolo capolavoro.
Prima di passare la parola direttamente a lei voglio sbilanciarmi in un giudizio:Manja Jerala è a parere mio la più forte centrale giovane del mondo.

Come si chiede a una ragazza con così pochi anni come si diventa giocatrice di pallavolo?
Me lo spieghi tu?
"Ciao Luca,ciao a tutti!
In realtà quando ero bambina io non pensavo molto alla pallavolo.
Ci giocavo con la famiglia durante le vacanze in campeggio ma era più che altro uno sport estivo.
Solo quando è stato inserito nel doposcuola ho potuto provare veramente a giocare e me ne sono innamorata all'istante.
Innamorata al punto di entrare a far parte di un club chiamato Olimp Ljubljana,la mia prima squadra."

Mi anticipi le domande,stavo proprio per chiederti di raccontarmi dei tuoi teams...
"Come ho detto la mia prima squadra è stata l'Olimp,qui sono stata per 3 anni fino alla stagione 2016/2017.
In questo periodo il comune di Ljubljana ha creato una selezione di giocatrici nate dopo il 2000 chiamata UOK.
Ho avuto l'onore di essere chiamata come atleta più giovane di questa rappresentativa.
Nuova squadra quindi ma ancora con lo stesso allenatore:Oleg Gorabchov.
La stagione 2016/2017 è stata anche la prima con doppia licenza per me,oltre che per UOK ho infatti giocato anche per le categorie giovanili dell'Ok Vital Ljubljiana."
Poi cosa è successo?
"Nella stagione 2017/2018 ho avuto modo di firmare il mio primo contratto come giocatrice professionista e ho disputato il principale campionato di Slovenia con l'Ok Calcit Kamnik,allenata da Gregor Rozman e dal suo assistente Aljosa Jemec.
Anche in questo caso ho mantenuto la doppia licenza giocando a livello giovanile con il Vital e con le senior del Calcit."
16 anni eh...
Sei il mio fenomeno preferito!
"Per la prossima stagione mi preparo a far parte solo ed esclusivamente del roster del Calcit Kamnik."

Ho accennato qualcosa io in apertura di pagina,mi spieghi bene in che ruolo giochi e che tipo di atleta sei?
"Da quando è iniziata la mia carriera ho sempre giocato nella posizione di centrale,però devo dirti che al Calcit hanno cominciato ad allenarmi come schiacciatrice/ricevitrice.
Non so dirti quali siano le mie qualità,sicuramente sono molto determinata e so di avere sempre ambizioni di vittoria in ogni partita che gioco.
Aggiungo che imparo tutto velocemente."
Seguendoti da mesi e conoscendo le tue caratteristiche posso tranquillamente affermare che hai un grande grande futuro davanti a te.
Le partite che ho visto,i tuoi incredibili dati statistici fanno di te una campionessa già nel presente,chissà cosa diventerai nei prossimi anni.
Domanda successiva:come vedi il livello della pallavolo in Slovenia?
"Il passaggio da Uok e dalla seconda serie al Calcit mi ha permesso di fare nuove esperienze e di vedere il livello delle partite crescere.
Tuttavia essendo io la più giovane della squadra non ho giocato molto,anche se il mio primo anno nel massimo campionato sloveno ha fatto salire di tanto la mia esperienza nel mondo del volley."

Dai tuoi clubs alla nazionale...
"Diventare un membro della nazionale è stato il mio sogno sin da quando ho iniziato a giocare.
Durante l'estate del 2017 sono stata in Argentina ai Campionati del Mondo u18 ed è stato qualcosa che probabilmente ricorderò per il resto della mia vita in quanto non mi aspettavo minimamente di essere convocata.
Quest'anno poi sono stata onorata del diventare la capitana della nazionale u17 con la quale abbiamo disputato un eccellente Europeo.
Penso che le emozioni che provo indossando questa maglia siano il reale motivo per cui mi impegno così tanto nella pallavolo.
E' un tale onore per me rappresentare la mia nazione che ogni volta che canto l'inno mi commuovo e i miei occhi diventano lucidi per l'emozione."
L'ho notato sai questo tuo splendido,meraviglioso lato umano.

Dopo qualche domanda sul piano sportivo sono curioso di sapere qualcosa di te anche al di fuori del mondo della pallavolo.
Anche in questo caso faccio una premessa:quando interagisco con Manja mi trovo a comunicare con una persona sensibile caratterialmente e con un grande cervello.
I suoi genitori possono andare fieri di avere una figlia in gamba come lei.
Non si emerge solo con le doti atletiche,ci vuole anche grinta e una sana gestione di se stesse.
La mia ospite di oggi in questo è la perfezione!

"Cosa dirti di me?
Mi piace pensarmi come una ragazza normale,semplice.
Amo passare le mie giornate con la famiglia e con gli amici.
Anche se mi interessa davvero la mia carriera di atleta la scuola è sicuramente la mia priorità.
Penso che l'istruzione sia fondamentale e adesso sto frequentando il secondo anno di scuola superiore.
A causa della studio e della pallavolo non mi rimane molto tempo libero,ma quando ho qualche ora per me mi piace passarla coccolando il mio cane portandolo a fare passeggiate assieme.
Mi piacciono i films,mi piacciono i giochi da tavolo e risolvere le parole crociate.
Nei mesi estivi quando ho maggiore tempo a disposizione leggo qualche buon libro."

Manja Jerala come si vede nel suo futuro?
Hai qualche bel sogno speciale da vedere realizzato?
"Inseguo i miei sogni di pallavolista certamente.
E un giorno vorrei giocare nella nazionale maggiore di Slovenia.
Questo vorrebbe dire che sono stata brava e che ho fatto qualcosa di significativo nel volley.
Vorrei anche provare la mia bravura in qualche campionato all'estero ma so che questo sarà molto difficile.
Come ti ho detto prima l'istruzione è molto importante per me e mi piacerebbe laurearmi in medicina nei prossimi anni."
Idee chiarissime!
Complimenti!!!
Concedimi di dirti che un talento come te non solo andrà a giocare nei migliori campionati,tu hai le capacità di fare innamorare gli appassionati di pallavolo di tutto il mondo con le tue infinite doti atletiche e umane.
Io lo scrivo oggi,in anticipo su tutti!

Raccontiamo Talenti
vi ha presentato la giovanissima Manja Jerala.
Manjaaaaaaa!!!!!
Grazie di cuore per tutto:per la simpatia,per l'amicizia e per la voglia di raccontarti.
Sei già ora una campionessa nella pallavolo,io sono convintissimo che in pochi anni diventerai una stella di prima grandezza.
Quello che ti chiedo è di non cambiare mai nulla di te come persona,sei una ragazza rara da incontrare e meravigliosamente unica.

giovedì 3 maggio 2018

Johanna Maar

Johanna Maar
(31 Ottobre 2000)
Per la serie:"Estonia nuovo paradiso del volley" dopo aver intervistato Kertu Laak,Anu Ennok e Kristiine Miilen,giocatrici già affermati a buonissimi livelli,oggi è il turno della giovane e forte Johanna.
La seguo da qualche tempo e pochi giorni fa ho potuto sostenerla durante la sua partecipazione alle qualificazioni agli Europei u19.
Oltre che talentuosa la bella Jo è anche particolare e tanto tanto simpatica.
Trasmette energia positiva!!!
Leggendoci lo scoprirete.
Lei non me lo ha detto ma secondo me è un pò timida...
Iniziamo??

Ciao Johanna,dopo le mie prime righe tocca a te direttamente presentare le tue doti di pallavolista raccontando tutto su di te.
Ad esempio,come inizio mi dici come si comincia a diventare campionessa del nostro sport preferito?
"La mia prima volta nel volley è stata 8 anni fa.
E' vero che la pallavolo è sempre stata parte importante della vita della mia famiglia,ma io non avevo mai giocato.
Sono stata invitata da alcuni amici a degli allenamenti e anche se era la mia prima volta tutto mi è subito piaciuto.
Così è nata la mia voglia di essere atleta."
In quale squadra giochi,anzi nel tuo caso è meglio scrivere in quali squadre dato che è più di una...
"Sono in due clubs.
Uno è un team giovanile che si chiama SK TATS.
Però da questa stagione sono anche nel roster del TTU Tradehouse."

"Nella squadra del TTU Tradehouse vengo schierata come opposto(a dirti la verità in questi mesi sono stata spesso in panchina)."
Conoscendo la tua bravura credo che sia successo per via della tua giovane età e credimi che comunque è sempre un'esperienza accrescitiva anche l'apprendere da chi gioca da più anni."
"Si.
Credo che ci sia sempre bisogno di miglioramenti anche se sono brava nei fondamentali di opposto di ruolo ma anche in altre posizioni come schiacciatrice/ricevitrice."
Fai parte della nazionale del tuo paese giusto?
"Esatto!
Sono nell''Estonia da parecchio tempo e sono felicissima di tutto questo."


Posto dove vivi e cresci il tuo che sta dando molte soddisfazioni ai clubs di tutta Europa.
Sono sempre di più le pallavoliste del tuo paese che ottengono notevoli e significativi risultati lontane da casa.
"In effetti come dici tu il livello è buono e abbiamo atlete che posso considerare  grandi giocatrici."
Io so che tu metti il massimo impegno in ogni cosa che fai,com'è la tua giornata tipo?
"Sono una studentessa e le mie lezioni a scuola terminano alle 15.
Dopo questa ora ho per 3 volte alla settimana allenamento con SK TATS e 2 volte con TTU Tradehouse.
Questo mi succede perchè il mio coach vuole che io partecipi al maggior numero possibile di preparazione.
Considera poi che nei weekend ho spessissimo partite di campionato o qualche torneo.
A leggermi così può sembrare che sia estenuante e senza sosta,in realtà non è così anche perchè quando non sono impegnata con la pallavolo non so mai cosa fare e finisco per annoiarmi."

Hai visto che ti ho trovato da fare con le domande e le risposte alla tua intervista??
Hehehehehehehe
Jo sei troppo forte!!!!!!

Mi hai appena detto che sei studentessa,come vai a scuola?
"Tutto molto bene grazie.
Sono alle superiori e i miei voti vanno bene.
Certo si può naturalmente sempre cercare di dare di più e di migliorare."
Hobbies?
Passioni??
"Mi piace il basket!
Piace a me e anche a tutta la mia famiglia.
Amo seguire l'Nba in particolare ma anche gli altri campionati.
Penso che senza la pallavolo oggi sarei una giocatrice di pallacanestro."
Che bella ragazza che sei.
Come ti vedi tra qualche anno?
Hai qualche sogno da vedere realizzato?
"Prima di tutto voglio diplomarmi alle superiori,poi dopo cosa farò non lo so davvero.
Mi piace vivere alla giornata e vedere cosa succede.
Se penso alla pallavolo ti dico che voglio giocare a lungo e che vorrei mettermi alla prova in qualche club prestigioso e di alto livello."

Io ti auguro il meglio in entrambe le cose che quotidianamente porti avanti.
Adoro interagire con la tua semplicità e con il tuo carisma,vedrai che arriveranno tanti successi.


Raccontiamo Talenti
vi ha presentato
Johanna Maar.
Jooooooooooooooooo,grazie davvero per tutto!
La tua intervista mi piace tantissimo,mi sono divertito nel realizzarla assieme a te e vedo anche che è venuto fuori un risultato notevole.
Tu cosa dici??
Sarà il tuo nuovo punto di partenza per farti conoscere nel mondo dello sport?
Io spero,anzi ne sono sicuro,che da oggi in poi troverai moltissimi nuovi ammiratori.