lunedì 7 ottobre 2019

Kendra Dahlke

Kendra Dahlke

E' qui con noi oggi una super atleta americana da poche settimane in Italia per dimostrare a tutti il suo grande valore come pallavolista.
Ingaggiata da Marsala,società sempre attenta nel portare nel nostro paese atlete di pregevole caratura,la bella Kendra mi ha raccontato molto di lei.
Grazie alla sua simpatia e disponibilità ora posso mettere online la sua presentazione ai suoi nuovi tifosi.
Cominciamo...

A che età hai iniziato a giocare a pallavolo e quali sono state le ragioni?
"Ho cominciato con il volley quando avevo 13 anni e grazie agli allenatori Cindy Lloyd e Garen Tomlinson.
All'interno della scuola che frequentavo mi hanno vista mentre andavo a lezione al campus e notando la mia altezza mi hanno proposto di andare a fare una prova in quanto ritenevano che io potessi avere un buon potenziale.
All'inizio avevo qualche dubbio e non ero interessata,ma poi con curiosità ho provato e sono stata inserita nel team della scuola.
Così l'anno successivo ho lasciato il basket per dedicarmi pienamente alla pallavolo."

In quali squadre hai giocato?
"Ho finito il college dell'Università dell'Arizona lo scorso mese di Dicembre.
Qui ho studiato e giocato a pallavolo per 4 anni.
Dopo essermi laureata sono partita per iniziare la mia carriera professionale e mi sono trasferita nelle Filippine dove ho fatto parte del roster del PLDT Home Fibr."

Eccoti qui con la casacca del team asiatico.
Come è stata la tua prima esperienza lontana da casa?
"Giocare per me nelle Filippine è stata un'esperienza complessivamente positiva.
Era come hai detto tu la mia prima volta lontana da casa e quindi ho messo un pò di tempo ad adattarmi a nuovi stili di vita e a diverse culture.
Questo però mi è piaciuto e ho imparato davvero molto.
Tutti sono stati molto accoglienti con me e quindi hanno reso tutto più facile."
Quali sono le differenze tra volley U.S.A. e pallavolo filippina?
"Lo stile della pallavolo era solo un poco diverso da quello a cui ero abituata.
Il livello è buono,sanno difendere bene e con il fatto che ogni squadra poteva ingaggiare due atlete straniere la qualità del gioco si è alzata ancora di più.
La differenza più importante è l'altezza delle giocatrici:mentre negli Stati Uniti posso essere considerata non molto alta per il ruolo in cui gioco,sono 184 cm,nelle Filippine mi consideravano una gigante."

E ora sei qui da noi...
"Sono molto emozionata per la mia nuova avventura in Italia,è sempre stato un mio obiettivo giocare nel vostro paese e ora posso raggiungerlo qui a Marsala.
Sto imparando a essere competitiva e sto lavorando per raggiungere successi di squadra ma anche personali.
Ho già assorbito molto dallo staff e dalle mie compagne e cerco di migliorarmi giorno dopo giorno.
Sono convinta di essere nel posto giusto per farlo."
Talmente convinta da avere iniziato il campionato con grande piglio autoritario giocando meravigliosamente sia in attacco che nelle fasi difensive.
A questo proposito domando a Kendra di spiegarmi quali sono le sue caratteristiche di atleta...
"Sono una schiacciatrice/ricevitrice che ben si adatta in ogni posizione della rotazione.
La dote migliore che posso indicarti è la mia visione del gioco,sono brava a vedere gli spazi aperti dove colpire ma leggo bene il campo anche se devo difendere.
Penso di essere in grado di fare tutto:ricevere,colpire,murare e difendere ad alto livello."

Che obiettivo ti sei posta per i prossimi mesi?
"Voglio migliorarmi nei fondamentali di gioco dove ho ancora qualche debolezza.
Voglio vincere,ma ancora di più di questo voglio far parte di un gruppo di ragazze che lotta su ogni pallone,fino all'ultimo punto.
L'obiettivo societario è mantenere la categoria e magari inserirsi nella poule promozione per la serie A1.
Devo rimanere personalmente concentrata su questo e impegnarmi per diventare una giocatrice migliore con tanta voglia di successo."

Oltre ad essere un'ottima atleta sei anche una ragazza meravigliosa.
Mi racconti un pò di te lontana dai campi da gioco?
"Un pò di me è che la mia famiglia è molto importante.
Ho due sorelle minori,Kyra e Kadyn e anche un fratello che si chiama Deven.
Poi c'è anche Bane,il mio cane.
La mia famiglia ora vive a Phoenix in Arizona ma io sono cresciuta tra Minnesota e California.
La mia famiglia è fondamentale per me e mi hanno sempre spinta e sostenuta in ogni cosa che ho pensato di fare.
Senza i miei genitori Nicole e David non sarei arrivata qua dove sono ora."
Sei dolce Kendra!
"Altro di me è che lo sport è sempre stato un qualcosa di cui ho avuto passione.
Crescendo ho potuto giocare a basket,a tennis,nuoto,atletica leggera e anche mi piace andare a cavallo.
Quando ero al college ho studiato criminologia e psicologia,trovo che il concetto di crimine sia molto interessante:mi sono spesso chiesta cosa possa spingere le persone a commettere dei reati."
Sei davvero una persona particolare ed intrigante,complimenti.

Cosa vuoi fare da grande?
Come vedi il tuo futuro??
Hai qualche sogno da realizzare?
"Voglio giocare a pallavolo il più a lungo possibile.
Quando non potrò più farlo vorrei restare ancora in questo mondo e mi vedo magari nel ruolo di allenatrice.
Un giorno vorrò avere una famiglia tutta per me e come sogno magari vorrei poter lavorare nel mondo della tv ma legata sempre allo sport."
Secondo me puoi davvero portare avanti progetti e sogni,mi ha colpito molto la tua personalità.

Raccontiamo Talenti
vi ha presentato
Kendra Dahlke.
Kendraaaaaaaaaaaaaaa,
grazie davvero di cuore per tutta la tua disponibilità.
Ci vediamo prossimamente alle tue partite e sicuramente rimarremo in contatto.
Ti seguirò con tanto piacere e sono sicuro che lo faranno anche i miei,nostri lettori.
Ti abbraccio e mando un caro saluto a tutta la tua famiglia e anche al Marsala Volley.

Nessun commento: